Archive for libri

La trama lucente della creatività e le persone creative

// // 5 Comments » // anziani, comunicazione, creatività, formazione, insegnanti, libri

In che famiglie nascono le persone creative ?

La risposta l’ho trovata in un bellissimo libro che parla di creatività, scritto da Annamaria Testa , dal titolo “la trama lucente”, Rizzoli ed.

la trama lucente- creatività persone creative

Definire la creatività è presso ché impossibile, il termine è molto abusato, ma l’autrice riesce a darci una mappa chiara, con cui orientarci.

Il libro è da leggere a pizzichi e bocconi, è da usare quasi come un’enciclopedia o un manuale,  ma a differenza di questi fluisce come un romanzo.

Risponde a molte domande , e lo consiglio alle  insegnanti  e studenti di Scienze della
Formazione e Psicologia perché può aiutare a chiarire come aiutare e sostenere il processo creativo nei bambini e ragazzi ecco cosa si legge: (more…)

Il mio libro totem

// // 1 Comment » // crescita personale, libri

Raccolgo questa bella iniziativa sui libri,  da Rossella Grenci, dal suo blog occhi di terra e cielo,

http://occhiditerra.wordpress.com/2011/05/21/il-mio-libro-totem/

Sperando di seguire bene la procedura… se no chi ne sa più di me  mi corregga grazie! (more…)

Il libro di Aviva

// // 2 Comments » // arte terapia, atelier, benessere, creatività, libri, pittura

Ciao,

Stasera, ho una bellissima notizia da darti, il libro di Aviva Gold, “Painting from the Source”, DIPINGERE CON LA SORGENTE  è stato tradotto, e presto verrà pubblicato da Verdechiaro Edizioni http://verdechiaro.com 

La traduttrice e scrittrice  Claudia Enrico ha svolto un lavoro “splendido”, fatto col cuore e con tutta la sua capacità intuitiva ha saputo rendere con un linguaggio fluido e “sapiente” tutta la grande esperienza che Aviva ha messo nel suo libro…sto provando una una grande Gioia e  commozione nel leggerlo nella mia

 lingua, pur conoscendo l’inglese, non ero riuscita a cogliere tutte quelle sfumature…solo il senso, ora tra le mani ho un “diamante”  di grande bellezza e chiarezza! E non sto enfatizzando…Credo che il libro di Aviva sia davvero un’opera degna di attenzione, ve lo dice una persona che ama i libri e la lettura, e che lavora anche in una biblioteca…che conosce e pratica l’arteterapia…ma questo “manuale” non è solo per gli specialisti, anzi è proprio contro gli specialismi…

Aviva è così chiara, semplice e diretta, che non ti lascia scuse a cui agrapparti, ma ti invita a conoscere la vera Sorgente , aprendosi lei stessa a chi la legge…mettendo a disposizione tutta la sua Conoscenza ed Esperienza di più di 30 anni… Sono sicurissima che vi innamorerete di lei e del suo metodo, inizierete a

desiderare di  dipingere come non avete mai pensato di fare prima ad ora, come dimostra la valanga di testimonianze rese dalle persone che hanno letto  seguito i suoi workshops…Io non vedo l’ora di incontrarla a Luglio qui, a dipingere come spiega nel libro… e vorrei che fossimo in tanti a darle il

benvenuto, come merita …Ho immaginato già lo spazio e ho pensato che il mio atelier non riuscirà a contenere tutte le persone che si iscriveranno, essendo un’esclusiva per l’Italia e l’Europa…ho pensato di mettere a disposizione uno spazio idoneo, per un numero massimo  di 40 persone…  chi è intenzionato a partecipare non aspetti l’ultimo momento per iscriversi, perchè mi dispiacerebbe molto dovergli dire che non c’è più posto!

Domani avrete la possibilità di leggere ancora qualcosa di interessante su Aviva, non perdetevi il prossimo post…stay in touch !

Marina

  

 

Dipingere con la Sorgente

// // 3 Comments » // arte terapia, benessere, creatività, formazione, libri, pittura

Ciao,  

Oggi voglio darti  qualche approfondimento sul percorso che Aviva Gold terrà a Luglio ( le informazioni le trovi qui, nella pagina a lei dedicata) qui a Gattatico (RE), in attesa di presentarti il suo bellissimo libro, nella versione italiana…proprio in questi giorni ho concluso un accordo con Ari , editore di Verdechiaro Edizioni, e amico. www.verdechiaro.com Non vedo l’ora di leggerlo! 

Ecco cosa scrive Aviva nel suo sito http://paintingfromthesource.com/

“Dipingere con la Sorgente” si rivolge agli uomini ed alle donne che sono interessati alla pittura ma non hanno mai pensato di poterla praticare. È utile anche per coloro che hanno una formazione artistica, e che vorrebbero esplorare ed espandere la sorgente della loro creatività. I workshop sono aperti a tutti quelli che desiderano risvegliare la loro anima di artista.

Essa riaccenderà il vostro senso di libertà e si espanderà anche in altri ambiti della vostra vita. Molti che hanno fatto esperienza del workshop hanno sperimentato che questo processo con la pittura è davvero trasformVieni, avventurati, “espandi” la vernice sulla tela come fosse un Percorso verso una conquista radicale, un percorso verso l’anima risvegliata dell’artista, che apre il cuore, che ama, che ritrova il proprio scopo e rinnova la vitalità.

Immagina di stare di fronte ad un dipinto che si presenta composto di diversi livelli, che durante i giorni del workshop possono rimpicciolirsi e crescere! Può essere possibile? Certamente!
Una precedente esperienza nella pittura non è un vantaggio qui. Tutti quelli che hanno un cuore volenteroso ed uno spirito avventuroso possono ricercare la visione nel “Dipingere con la Sorgente”.

Venite con un foglio bianco nel nostro sicuro e sacro spazio dedicato alla pittura, disponibile continuamente per voi ed i vostri compagni cercatori di anima. Dipingete con colori vibranti, arancione fuoco, nero mezzanotte, blu scuro lago, tutti i colori a tempera invitanti come la panna per un bambino.

Dipingete il vostro cuore. Dipingete come se pregaste profondamente. Dipingete le vostre paure peggiori e le passioni più profonde. Dipingete per sentire, sperimentare, essere incorporati. Dipingete non per il risultato ma per sperimentare “l’essere” di questo momento. Dipingete come se voleste incendiare il quadro, come quando fate yoga, come quando correte al limite, e come quando coccolate le vostre sfide.

Dipingete fino a che la vostra mente libera i giudizi, i paragoni, le interpretazioni e le storie personali. Dipingete il brutto per la bellezza, la morte per la rinascita, il sollievo per l’angoscia. Muovetevi, danzate, gridate, piangete, brontolate, fate il pagliaccio col vostro dipinto. Dipingete fino a che il dipinto non dipinge voi. Parlate la Bellezza della sua verità autentica e senza vergogna.

Questa è la via della Medicina degli Indiani. Questo è vivere il mito poetico. Alterate un’immagine da questo spazio, ed il vostro corpo ed i sogni saranno alterati. Con questa esperienza i pittori ed i dipinti si legano ad una comunità unita ed aperta a livello del cuore, dove il trionfo di uno è il trionfo di tutti.

“Dipingere con la Sorgente” è una guarigione profonda ed intensa che si serve della pittura e di tutte le altre modalità creative, come di un veicolo per approfondire la sorgente collettiva di tutta la creazione e guarigione, simile al processo “dell’Immaginazione Attiva” di Carl Jung. Non è un corso di pittura; ma l’autentica bellezza che ne consegue supera di gran lunga qualsiasi corso di pittura.

Per la riuscita e per avere il necessario “spazio contenitivo” solido e sicuro, questo workshop richiede l’impegno ad un eventuale estensione del programma, a stare in ritiro al di fuori di distrazioni, all’astenersi dall’uso di sostanze stimolanti, essere presenti con le possibili emozioni sia proprie che altrui, leggere e prepararsi secondo le linee guida che verranno fornite al momento dell’iscrizione. 

 Questo è solo un assaggio, che Claudia Enrico mi ha tradotto, con grande sensibilità ! grazie anche a te Claudia!

Colore in fiaba

// // 2 Comments » // animazione, arte bambini, creatività, didattica dell'arte, formazione, gioco, illustrazione, scuola dell'infanzia

Ciao ,

mi sto divertendo a scovare cose interessanti, per parlarti del colore ho scelto un altro video da You Tube, sto preparando XXXXXXXX, (sorpresa!) ma vorrei fare qualcosa di diverso, usando un pò la fantasia, questo mi sembra un bell’esempio a cui ispirarsi che ne pensi?

Mi fa pensare ad un bellissimo libro scritto e illustrato da Leo Lionni: “piccolo blu e piccolo giallo”, un capolavoro per far vivere e comprendere come nascono i colori ai bambini più piccoli…ma anche ai più grandi! Utilizzo spesso questo magnifico albo illustrato nelle letture animate in biblioteca e nei laboratori coi bambini…ed è sempre stato un successo!

Ora gustati anche questo video, e se hai un bambino/a piccolo/a mostraglielo…potresti fare delle belle scoperte insieme a lui o lei! Ti aspetto sempre qui, per il prossimo post…che continuerà a svelarti a poco a poco quello che sarà la bella sorpresa che ho in serbo per te!

Ma ti piacciono le favole e le fiabe?…te ne ricordi qualcuna? fammi sapere …A prestissimo

ondamarina

httpv://www.youtube.com/watch?v=NzKPNcYyYZ0

leggere ad alta voce

// // 1 Comment » // comunicazione, genitorialità, libri, Nido, pedagogia

Ciao,

come va?  eccomi dopo diversi giorni che non scrivo, e mi dispiace, ma avevo bisogno di una pausa dopo un lavoro assai impegnativo, in cui ho speso molte ore al computer, si tratta di un video, che mi ha commissionato il Comune di Gattatico, per i venti anni del Centro Culturale, con relativa mostra

fotografica…tutto è andato per il meglio e sono soddisfatta…missione compiuta ed eccomi qui per vedere cosa è successo dopo il lancio del mio video corso “felici di creare”, spero tu lo abbia scaricato e che tu abbia voglia di continuare a leggermi e/o ascoltarmi ancora!.

Sto preparando un altra sorpresa per te! sto rovistando nei cassetti della mia creativa mente…per trovare qualcosa di interessante, piacevole, utile, leggero, fantasioso, originale, semplice….non è facile , ma qualcosa ho già in mente! che però ancora non ti posso svelare!

Intanto stasera voglio parlarti dell’importanza della lettura ad alta voce, per i nostri bambini…e non solo “Leggere insieme è un po’ come mangiare insieme un dolce al cioccolato: si assapora la dolcezza del momento senza interrogarsi troppo su quali ingredienti rendono l’esperienza così piacevole.

Il saper coinvolgere il bambino in una attività apparentemente meno attraente di un gioco di plastica colorata o di un cartone animato con effetti speciali o di un video-gioco.

Naturalmente la ‘seduzione’ della parola e del racconto ha tanta più probabilità di essere efficace quanto più parte da lontano. Si dovrebbe cominciare a coinvolgere il bambino nel gioco delle parole fin da quando è piccolissimo.

Non a caso la tradizione ci ha consegnato una grande quantità di filastrocche, di rime, di scioglilingua fatti apposta per dare concretezza alle parole, per legare l’esperienza linguistica ai movimenti del corpo

e imprimere quindi nella memoria corporea, non solo in quella (assai più labile) della mente la piacevolezza dell’esperienza.”
(tratto da Rita Valentino Merletti,LEGGERE AD ALTA VOCE)

Pensiamoci dunque, a quante emozioni possiamo dare voce attraverso la lettura di un bel libro!, una vera terapia per chi ci ascolta, ma anche  un modo per chi lo fa di con-vibrare con l’altro toccando le sottili corde che ci uniscono, un modo meraviglioso, per entrare in contatto!

Lo hai mai sperimentato? come mi piacerebbe conoscere le tue esperienze in merito, o condividere i tuoi ricordi dell’infanzia… io ho letto tantissime volte! ho iniziato dai miei nipotini…poi con mia figlia …ed ora questa magia si rinnova quasi ogni giorno…con i bambini dei Nidi e delle Scuole dell’infanzia… 

Ma l’imprinting me lo ha dato mia madre , con le sue filastrocche, con i suoi racconti, con i suoi detti di una volta…ma di questo ti parlerò ancora in un prossimo post, non mancare perchè la storia continua!

 

Un Giorno

// // 3 Comments » // genitorialità, illustrazione, libri

libro per le mammeOggi voglio dedicare a mia figlia Valeria e a te , che mi stai leggendo, una bella storia…tratta dal libro: “Un giorno” di Alison Mcghee, edito da ape junior. da leggere e da guardare, perchè molto belle sono anche le illustrazioni! racconta le emozioni di una mamma che vede la propria figlia crescere….e allonanarsi

 

Un giorno ho contato le tue piccole dita

e le ho baciate ad una ad una.

Un giorno, mentre scendevano i primi fiocchi di neve,

li ho guardatisciogliersi sulla tua pelle di bimba.

Un giorno abbiamo attraversato la strada

e mi hai stretto forte la mano.

Sei stata la mia piccolina.

E adesso sei la mia bambina.

A volte quando dormi, ti guardo sognare

e sogno anch’io…

…che un giorno ti tufferai nell’acqua chiara e fresca di un lago.

Un giorno attraverserai una foresta fitta e scura.

Un giorno proverai una gioia così intensa da farti brillare gli occhi.

Un giorno correrai veloce, lontano e il tuo cuore batterà all’impazzata.

Un giorno ti spingerai in alto, così in alto, più di quanto non avresti mai osato immaginare.

Un giorno conoscerai la tristezza e imparerai a superare il suo dolore.

Un giorno regalerai al vento una canzone, e il vento la porterà con sé.

Un giorno andrai per la tua strada e ti seguirò con lo sguardo fino a non vederti più.

Un giorno, guardando questa casa, ti chiederai come qualcosa di così grande possa sembrare tanto piccolo.

Un giorno sentirai un peso leggero sulla tua forte schiena.

Un giorno di guarderò pettinare la tua bimba.

Un giorno, molto lontano nel tempo, i tuoi capelli brilleranno d’argento nel sole.

E quel giorno, bambina mia, ti ricorderai di me.

Non c’è nulla da aggiungere a questo piccolo capolavoro, così vero per il mio cuore, che profondamente mi commuove, che effetto ti fa? se voi condividi le tue emozioni, lasciandomi un commento! Così saprò se hai gradito.

Grazie!

libroterapia

// // No Comments » // animazione, benessere, comunicazione, formazione, genitorialità, insegnanti, libri, Nido, scuola dell'infanzia

Da sempre i libri sono la mia passione!, ma da piccola, appartenendo ad una famiglia semplice e con pochi mezzi, la precedenza andava alle cose essenziali e quindi non possedevo nessun libro…il primo libro , me lo

ricordo ancora, me lo ha regalato uno zio, per la prima comunione, ed era la favola di Cenerentola, poi sono arrivati:  ”Pattini d’Argento” e “Le fiabe Russe”, così il libro  di lettura lo prendevo in prestito nella biblioteca di classe, quando la maestra me lo faceva scegliere…

Ma la mia sete, e voglia di conoscere era tale, che quando ho cominciato a guadagnare, i miei risparmi finivano nell’acquisto di romanzi, saggi e altro, ora la mia biblioteca è molto fornita, non li ho contati, ma ve lo assicuro sono tanti.

Ora il libro è diventato per me grande fonte per attingere idee e progetti…oltre che un piacere e momento  di  distensione. Non potevo quindi che desiderare di  lavorare in una Biblioteca e così è.

Proprio oggi ho avuto un incontro informativo con le insegnanti di scuola dell’Infanzia, ho presentato loro il mio progetto di promozione della lettura,  “Libroterapia”, che vi mostro qui in breve:

“I libri danno benessere, e la biblioteca è la farmacia dell’anima. Per qualsiasi disturbo, carenza o bisogno, i libri curano, nutrono, confortano… e aiutano a crescere”

Quest’anno abbiamo pensato di focalizzare l ‘attenzione verso i bisogni affettivi dei bambini e poiché siamo convinti dell’ importanza che i libri possono avere nell’educazione emotiva e nella crescita armonica della personalità proponiamo percorsi con:

LE STORIE CHE AIUTANO A…..

• CRESCERE ai più piccoli del NIDO si propongono libri che parlano del corpo… e dei sensi e delle prime conquiste verso l’autonomia (pipì e popò nel vasino, vestirsi, alimentazione ecc. )
• RILASSARSI E DORMIRE MEGLIO , fiabe e racconti filastrocche e ninne nanne con l’ausilio di musica e colori, tecniche appositamente scelte per accompagnare dolcemente con la voce i bambini ad un momento di profondo rilassamento. (Rivolto a tutte le sezioni )
• ESSERE AMICI , libri e letture animate sul tema dell’amicizia e diversità ( rivolto alle sezioni 4 e 5 anni )
• COMPRENDERE LE EMOZIONI libri e racconti animati per comprendere e affrontare : paura, rabbia, distacchi …ma anche per la gioia e la felicità (sezioni 3, 4 e 5 anni)

• OSSERVARE, CONOSCERE E RISPETTARE : LA NATURA percorso di storie dedicate alla conoscenza dei 4 elementi della natura ; terra/aria acqua e fuoco e loro interazioni con incontro di laboratorio a scelta ( tutte le sezioni)

E per finire vi consiglio di leggere : “Libroterapia” di Silvera Miro,  che mi ha ispirato il titolo di questo progetto, al prossimo libro dunque! 

 

                    

 

bambini ed emozioni

// // No Comments » // comunicazione, genitorialità, insegnanti, libri

“Fu nel 1995 che Daniel Goleman rese popolare il concetto di intelligenza emotiva definendola:

La capacità di motivare se stessi, di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustrazioni, di controllare gli impulsi e rimandare la gratificazione, di modulare i propri stati d’animo evitando che  la sofferenza  ci impedisca di pensare, di essere empatici e di sperare…

Nel mio approccio educativo e terapeutico con i bambini “l’educazione emotiva” dei bambini riveste un ruolo centrale, per accompagnarli nel loro processo di crescita.

Goleman ci ha fatto conoscere e comprendere che   ci sono tanti tipi di intelligenza e che l’intelligenza emotiva è fra le più importanti nella vita:        

 per la nostra salute, per il nostro benessere , per la nostra felicità, per istaurare relazioni sane ed appaganti”… per il successo nel lavoro per essere persone di riferimento per altri.

A tutti, genitori ed educatori, consiglio la lettura di un utilissimo libro, da cui ho tratto questo post,  di Carmela Lo Presti . “L’alfabeto delle Emozioni”  da poco pubblicato dalla casa editrice Meridiana.

Ho scoperto il sito di Carmela: http://www.intelligenzaemotiva.it/  

alcuni anni fa, e vi invito a visitarlo, troverete tantissimi spunti di riflessione e azione  con cui mi trovo molto  d’accordo. Il suo metodo infatti fa riferimento anche  alla Globalità dei Linguaggi… 

Nel suo libro troverete anche un kit di carte per giocare con i vostri bambini a riconoscere ed esprimere le emozioni. e’ davvero importante cominciare fin da piccoli a dare un nome alle emozioni, quali la rabbia, la tristezza, la felicità, la gioia…li aiutiamo così a crescere come persone equilibrate, in grado di comunicare ed esprimere ciò che sentono…attraverso questo percorso possiamo imparare cosa significa  “essere emozionati” .

Se poi vi piacciono i libri per bambini, o vi piace leggere loro delle storie che li aiutino a comprendere il mondo delle emozioni ci sono oggi tanti  bei libri illustrati adatti anche ai più piccoli dai tre anni di età:

Vi consiglio: “Che rabbia! ” di d’Allancè Mireille

In cui il bambino si potrà rispecchiare , quando si sente arrabbiato, e vorrebbe rompere tutto!

Esiste poi una bellissima collana “Prime emozioni”, Crealibri edizioni, pensata proprio per aiutare i bambini a comprendere meglio le proprie emozioni e, così facendo, ad acquistare una maggiore autonomia e libertà. Parlare delle proprie emozioni aiuta i bambini a capire che è normale essere tristi, arrabbiati o spaventati.

Con la maggiore  comprensione delle emozioni più dolorose, i bambini diventano liberi di godersi il mondo, di sentirsi sicuri delle proprie capacità e di essere felici. 

 

 

 

 

Ridiventa bambino

// // No Comments » // arte terapia, creatività, genitorialità, gioco, libri, pittura

Uno dei giochi che amo fare è aprire un libro a caso e vedere cosa c’è scritto…dopo aver pensato quello che desidero trovare. stavo cercando qualcosa da scrivere sulla creatività, e allora  vedo il libro di Osho, da giorni sulla mia scrivania, ”la creatività”, mi si apre alla pagina 105 …

Ridiventa bambino e sarai creativo.Tutti i bambini sono creativi. La creatività richiede libertà: libertà dalla mente, libertà dal sapere, libertà dai pregiudizi. è creativo colui che può esplorare ciò che è nuovo…

Ridiventa bambino e rimarrai sorpreso nel vedere che tutti i bambini sono creativi, ma la società non permette che vivano la loro creatività. Noi frantumiamo, annientiamo la loro creatività…colui che crea deve accettare di essere considerato a volte sciocco…

Ognuno di noi è nato col potenziale di diventare un creatore, tutti i bambini tentano di diventarlo, ma noi adulti, guastafeste, spesso glielo inpediamo, perchè crediamo che la creatività abbia una forza devastante sulla persona, pensiamo che sia una cosa scomoda, inutile, senza valore, che non ci porta da nessuna parte, o meglio da tutt’altra parte, fuorchè la dove abbiamo pensato di metterla.

“colui che crea non può mettere radici da qualche parte è un vagabondo…”  Anch’io come molti, ho sofferto, in alcuni periodi della mia vita, perchè non riuscivo ad esprimere, quello che sentivo, per troppa timidezza, e il disegno in bianco e nero, con la china  diventò un modo per costruirmi intorno la mia gabbia

protettiva…solo quando ho scoperto il colore , la sua forza, solo quando sono ritornata alla mia infanzia, ho ritrovato intatta la mia creatività, il coraggio di essere me stessa, senza pregiudizi e paure…ma prima  ho dovuto fare un viaggio …sono diventata una viandante!

A dire il vero ancora non mi sento arrivata…anzi tutt’altro…ho ancora tanta strada davanti a me. Ho scoperto che il modo migliore per entrare in contatto con la propria sorgente creativa è meditare dipingendo!

Categorie